.
Annunci online

leceneridigramsci
Sono partigiano, perchè odio chi non parteggia, odio l'indifferenza. ANTONIO GRAMSCI
10 dicembre 2009
La mafia è in ginocchio?

Questa mi pare di averla già sentita...

Leggasi

Lotta alla mafia, il trucco del Duce su

http://archiviostorico.corriere.it/2007/novembre/18/Lotta_alla_mafia_trucco_del_co_9_071118093.shtml

Per il regime di Mussolini non era importante tanto che la mafia fosse stata sconfitta davvero, quanto che una simile opinione fosse diventata - grazie a Mori - pressoché generale in Italia e all' estero: «Mussolini - scrisse il "Times" nel 1928 - ha osato minacciare il mostro nelle sue tane native e lo ha strangolato con successo». Una volta accreditato al fascismo un tale risultato, del prefetto Mori si poteva anche fare a meno: nel giugno 1929 un telegramma del Duce gli comunicava il collocamento a riposo. Per il resto del Ventennio, visto che secondo la versione ufficiale la mafia era stata eliminata, anche la parola fu messa al bando; quando se ne parlava, come nell' Enciclopedia italiana del 1934, si usava ormai il passato remoto. Tutto ciò - nota Duggan - fornì probabilmente ai mafiosi un «eccezionale scudo» dietro il quale continuare ad operare indisturbati

19 gennaio 2008
due o tre cose sulla sentenza Cuffaro
Siamo al ridicolo.
SI costruisce ad hoc una sentenza che non vuol dire nulla, una sentenza che secondo il mio parere di modesto studente di cose di mafia,  sarà ribaltata gia all'appello, o alla cassazione se proprio voglio tirarla per le lunghe.
Si è condannato Cuffaro a 5 anni, ma gli si è costruita ad hoc la scappatoia: non c'è l'associazione mafiosa...
Ora, essendo la condanna scontata, ed essendo scontato che mai sarebbe stato possibile riconoscere a suo carico la collusione mafiosa, Totò si è costruito la scappatoia per fare tutti felici: ha dichiarato che si sarebbe dimesso solo se la magistratura gli avrebbe dato del mafioso...
A cantare vittoria adesso è solo lui: non ha motivo di dimettersi(dice lui)perchè la sua sola colpa è stata essere troppo chiacchierone, di avere parlato troppo...
storicamente, la maggior parte dei processi del genere subiscono un ridimensionamento della pena al secondo grado e una scomparsa della stessa al terzo grado di giudizio, attraverso codici e codicilli, si arriverà a una condanna misera e ridicola, che come al solito non farà giustizia.
Spero di sbagliare, ma negli anni di sentenze simili ne ho viste troppe, e tutte simili...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia cuffaro sentenza ridicolo

permalink | inviato da leceneridigramsci il 19/1/2008 alle 14:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
7 novembre 2007
diceva falcone
" La mafia è una manifestazione dell'uomo e come tutte le cose umane ha un inizio e ha una fine"

Non c'ho mai creduto molto. Magari da lunedi ho qualche piccola speranza in più...
SOCIETA'
2 ottobre 2007
mafia
 

Uomini delle cosche mafiose trapanesi hanno fatto irruzione l'altra notte nell'abitazione di Marsala del Pm della Dda, Roberto Piscitello, incaricato per la Procura di Palermo delle indagini sulla mafia nella provincia siciliana.
Sono entrati nella villetta del magistrato sfondando un vetro blindato dopo aver neutralizzato il sistema di allarme con uno schiumogeno e hanno rovistato fra i fascicoli processuali del magistrato lasciando invece intatti valori e suppellettili. Una chiara intimidazione, senza neppure mettere in scena un finto furto.
E' bello sapere che in un mondo in continua evoluzione, c'è qualcosa che non cambia mai.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

 


 


 


 




 

 

 

 

 

 

« [...] non ho mai voluto mutare le mie opinioni, per le quali sarei disposto a dare la vita e non solo a stare in prigione [...] vorrei consolarti di questo dispiacere che ti ho dato: ma non potevo fare diversamente. La vita è così, molto dura, e i figli qualche volta devono dare dei grandi dolori alle loro mamme, se vogliono conservare il loro onore e la loro dignità di uomini»

A. Gramsci., lettera alla madre

10 maggio 1928

 

 

 





  



  




Bisogna avere un'ampia dose di umanità, un'ampia
 dose di senso di giustizia e di verità per evitare
estremi dogmatismi e sterili scolasticismi, o un
isolamento dalle masse.
Dobbiamo impegnarci ogni giorno affinche questo
 amore per l'umanità vivente si trasformi in azioni
concrete.

Ernesto Che Guevara





"QUEREMOS LA LUZ. 
  PARA TODOS,TODO,
  PARA NOSOTROS NADA"




  

 


       







cliccando la vignetta, potrai
 vedere la mappa interattiva
 dei conflitti in corso















                             




IL CANNOCCHIALE